L’acqua alta a Venezia

L'acqua alta: attrattiva o incognita

Acqua alta: un emozione? Talvolta sono pochi i centimetri d’acqua che bagnano calli e fondamente, altre volte, incide la luna, la pressione atmosferica ed il vento di scirocco o di bora, la marea  invade parte della città causando notevoli problemi.

Se un buon paio di stivali di gomma è la soluzione migliore per il visitatore di Venezia, per “prendere contatto” con l’esperienza dell’acqua alta, dall’altro è bene spiegare qualcosa sui numeri dell’alta marea perchè, per fortuna, acqua alta non significa avere l’acqua fino alla cintura!

Se infatti si parla di livello marea a “+100cm”, il meteo in questione è l’aumento di quota rispetto al livello medio del mare (che per convenzione si riferisce a livello medio del mare del 1897 misurato alla Punta della Salute). Solo con una marea superiore a +110 cm iniziano ad interdirsi al normale passaggio alcuni punti della città che risultano allagati.

Agli approdi dei servizi pubblici di motoscafi e vaporetti ACTV sono affissi manifesti che spiegano quali sono i percorsi a piedi, in tutta la città, che sono supportati dalle passerelle, che sono camminamenti sopraelevati che consentono al passante di attraversare i passaggi più passi e perciò più allagati. E non si spaventi il turista se sente suonare delle sirene durante la giornata: servono a segnalare l’arrivo dell’alta marea. Le sirene sono un sistema di segnali acustici di allertamento che segnalano quattro diversi livelli di marea.

Ecco come riconoscere i suoni: una sirena iniziale richiama l’attenzione sull’allarme alta marea; segue un segnale che ha la funzione di indicare il livello della marea atteso:

110 cm: un suono prolungato sulla stessa nota

120 cm: due suoni in scala crescente

130 cm: tre suoni su scala crescente

140 cm e oltre: quattro suoni in scala crescente

Resta il fatto che un buon paio di stivali di gomma, che vengono venduti anche ai nostri desk di accoglienza in ingresso in cità, mette al riparo il turista da sgradevoli bagnamenti dei piedi.