10 dolci da gustare

L’alta pasticceria veneziana

Altro capitolo fondamentale della tradizione veneziana. Ampissima la varietà di paste per ogni gusto, ma anche spumiglie, biscotti e focacce. Noi vi consigliamo 10 dolci che dovete assolutamente assaggiare! Li troverete nelle migliori pasticcerie di Venezia, ma anche in qualche panificio ben fornito. Una delizia per il palato e un toccasana per lo spirito!

  • I baìcoli sono biscotti tipici, una volta venduti in una confezione di latta, ora è facile trovarli in una scatola di cartone. Sono dei biscotti secchi, tagliati a lingue sottili, che venivano mangiati durante i lunghi viaggi in nave. Sono cucinati con pochi e semplici ingredienti, come farina, lievito, zucchero, burro e uova. Intinti nella crema di zabaione, nella cioccolata calda, nel caffè o in un vino dolce sono davvero ottimi.
  • Ci sono poi i bussolai buranelli a forma circolare oppure a “S”. Sono la specialità di Burano e sono a base di uova e burro. Ottimi per completare un pasto, soprattutto se serviti con un vino dolce.
  • Anche i zaeti sono biscottini veneziani cucinati con farina di polenta e uvetta sultanina. Il nome deriva dal loro colore giallino della farina. Vengono serviti con il vino passito di solito come fine pasto nelle osterie del centro storico.
  • Non esiste il Carnevale di Venezia senza le fritole, ossia le fritelle, un dolce che ha le sue origini in epoca rinascimentale e che nel ‘700 divenne niente di meno che il dolce nazionale dello Stato Veneto. La potete trovare alla veneziana, ossia semplice solo con le uvette, oppure riempita con la crema o con lo zabaione.
  • Altro tipico dolce è la focaccina veneziana, soffice al palato e deliziosa sia a colazione sia come pausa pomeridiana. Ha un impasto a base di latte, uova, farina e burro.
  • Se capitate nei giorni di San Martino (11 novembre) troverete le vetrine delle pasticcerie e dei panifici piene di un dolce a forma di un cavaliere a cavallo. È il San Martino, un dolce tipico a base di pasta frolla, con decorazioni in zucchero, gelatine, cioccolatini e confettini. Per i più golosi c’è anche la versione ricoperta di cioccolato fondente.
  • Da assaggiare anche il pan del doge, un dolce a base di farina, zucchero, burro, uova, fichi secchi, noci, miele e latte. La pagnotta era sempre presente nei banchetti del Doge Valier e oggi conserva ancora il gusto di una volta.
  • Ottimo anche il dolce Mori di Venezia, di pasta frolla con cioccolato fondente e una cascata di nocciole o mandorle.
  • Sempre legati alla tradizione, e tremendamente romantici, sono i baci in gondola, due spumiglie bianche tenute assieme da cioccolato fondente.
  • E se avete voglia di esagerare con la dolcezza potete assaggiare le gigantesche e vaporose spumiglie colorate che troneggiano nelle vetrine delle pasticcerie. Sembrerà di mangiare una nuvola di zucchero!