Piazza San Marco

“Il salotto più elegante d’Europa”. Così Napoleone definì Piazza San Marco, il cuore di Venezia, in cui ogni giorno migliaia di turisti si affollano per ammirare palazzi storici e scorci unici al mondo.

A campeggiare sulla piazza il campanile chiamato affettuosamente “el paron de casa” (il padrone di casa). Eretto come faro per i naviganti venne poi utilizzato per appendere le gabbie in cui erano rinchiusi i condannati ai vari reati che venivano lasciati lì a morire.

Da non perdere una visita alla Basilica di San Marco, una miscela unica di influenze orientali e occidentali, e a Palazzo Ducale, un capolavoro di architettura gotica, che al loro interno conservano ancora lo splendore e lo sfarzo dei tempi della Repubblica Serenissima in cui Venezia governava in Europa. Il Tesoro di Piazza San Marco è a tutt’oggi infatti uno dei più ricchi al mondo.

Ma oltre ai monumenti, questo scorcio unico al mondo è anche conosciuto e apprezzato per i raffinati negozi e gli eleganti (anche se non economici) caffè tra cui il L’Avena, il Quadri e il Florian da cui è passato tutto il gotha della letteratura europea (da Byron a Goethe, da Proust a D’Annunzio, da Goldoni a Casanova).